Luigi Costacurta

 

Luigi Costacurta, padre della naturopatia in Italia che ha importato la medicina naturale di Manuel Lazaeta, dice:
“La Medicina Naturale è l’unica medicina che risale all’origine della malattia, la previene e normalizza l’organismo in quanto entità unica data dall’unione di psiche e materia”.

Non ci sono divisioni. Se sta male un organo stanno male tuttiLa malattia nasce dall’apparato digerente con la febbre gastrointestinale. Il sangue è il prodotto di ciò che noi mangiamo. Se avremo buon sangue, avremo allora buona salute.

 

 

 

 

La Dottrina termica stabilisce, senza inventare nulla, un nuovo concetto di salute che si può riassumere nei seguenti punti:

  1. La salute è la normale funzionalità dell’organismo nei processi di nutrizione e di eliminazione, che si realizzano simultaneamente nell’apparato digerente, polmoni e pelle
  2. Tutte le malattie sono la manifestazione di “mancanza di salute”, ossia di un disordine funzionale e, con questo, si vuol insegnare che, QUALSIASI sia il suo nome o la sua manifestazione, la malattie è puramente di natura funzionale e non microbiana.
  3. Solo la salute ha carattere positivo. Tutte le malattie sono un fenomeno negativo, perché rivelano la mancanza di salute in grado variabile. Perciò le infermità non si “curano” ma spariranno mediante il processo della salute cioè della normalità funzionale.
  4. La patologia non è altro che una semplice classificazione convenzionale o nomenclatura dei sintomi o manifestazioni per mancanza di salute, come a dire dello stato di malattia. Si deduce allora che non esistono malattie, bensì malati.
  5. Però se vogliamo dare personalità positiva alla malattia, è necessario convenire che, qualsiasi sia il suo nome o la manifestazione, tutte le malattie sono costituite da febbre gastrointestinale in grado più p meno variabile. Questa febbre è la causa ed è anche il punto di appoggio del disordine funzionale dell’organismo; è cioè il nemico della salute e l’unica causa di morte. Non esistono malati senza febbre.
  6. Quelli che la Patologia classifica come mali diversi, non sono altro che la semplice manifestazione del disordine delle funzioni di nutrizione ed eliminazione dell’organismo colpito. La diversità dei sintomi “per mancanza di salute” dipende dal soggetto, dagli antecedenti ereditari, dal genere di vita, dall’occupazione, dall’età, dal sesso, dal clima, ecc. ecc.
  7. La febbre è il nemico che si deve combattere negli infermi (qualsiasi sia il nome o la manifestazione della dolenza), e non il microbo, poiché, a parte gli incidenti, si muore solo di febbre.
  8. La febbre è un fenomeno di natura infiammatoria e congestiva. Si origina per reazione nervosa e circolatoria quando i nervi sono irritati o sottoposti a un lavoro maggiore del normale.
  9. La febbre che giunge alla superficie del corpo è CURATIVA perché, per mezzo della pelle, favorisce l’eliminazione delle impurità. La febbre gastrointestinale altera la salute fino a dar fine alla vita dell’uomo con denutrizione ed intossicazione
  10. Non esistono malattie di natura diversa tra loro; vi sono però distinte manifestazioni di irregolarità funzionale dell’organismo, ossia mancanza di salute.
  11. Non bisogna curare ma NORMALIZZARE, collocando il corpo in equilibrio termico.
  12. La normalità funzionale del corpo cioè la salute, può esistere solo con l’equilibrio fra temperatura interna ed esterna. L’unico essere creato che squilibra la temperatura del corpo è l’uomo.
  13. I microbi sono agenti di vita e di salute, giammai agenti di malattia o di morte. Essi contribuiscono all’armonia ed all’ordine dell’Universo. Agendo dentro l’ordine universale, è assurdo incolpare il microbo delle irregolarità funzionali dell’organismo, caratteristiche in tutte le malattie in grado differente.
  14. L’arte del Curare, vale a dire di ristabilire la salute, deve in tutti i casi rinfrescare l’interno del ventre del malato e febbricitare la sua pelle, per equilibrare così la temperatura del corpo.
  15. L’agente che realizza la cura, ossia il ritorno alla normalità funzionale dell’organismo, è la FORZA VITALE che possiede il malato.
  16. Il sistema nervoso è il motore della vita. La forza vitale è l’energia nervosa e dipende salute stessa dei nervi, che sono nutriti dal sangue. Un sangue puro mantiene i nervi sani. L’impurità del fluido vitale (sangue) indebolisce la potenza nervosa. Il sangue è il prodotto della digestione e questa può essere sana sono se elaborata a 37 gradi di temperatura.
  17. La causa dell’indebolimento dell’energia nervosa non è altro che l’impurità del sangue dovuta alle irregolarità funzionali dell’organismo., prodotto dalla malsana respirazione, dell’elaborazione di putrefazione intestinali e dalla deficiente eliminazione della pelle, reni ed intestino. Le droghe, iniezioni, sieri, vaccini, radium, elettricità, interventi chirurgici, finiscono per deprimere  l’attività nervosa e, pertanto, la forza vitale dell’individuo, accorciandone la vita per intossicazione, degenerazione o mutilazione dell’organismo.
  18. Ciò che cura è la NATURA disse Ippocrate e, secondo la Dottrina Termica affinché questo sia possibile, è necessario collocare il corpo in Equilibrio termico.
  19. La Dottrina Termica NON DIAGNOSTICA  MALATTIE, non dà medicine e tanto meno cura. Disinteressandosi dalla Patologia e Terapeutica, essa si dirige a normalizzare le funzioni digerenti ed eliminatrici del malato, febbricitando la pelle e rinfrescando le viscere per ottenere equilibrio termico del corpo sempre alterato in tutte le malattie. Il corpo viene trattato come un solo organo, entità indivisibile.
  20. L’iride dei tuoi occhi rivela la tua salute.

Fonte: La Medicina Naturale alla portata di tutti


Testimonianze dal gruppo facebook di Penso Naturale

[dt_sc_tm_carousel_wrapper][dt_sc_tm_carousel_item image=”6397″ name=”Michaela di Genova”]Ho fatto il mio primo digiuno di 42 giorni tra fine gennaio e inizio marzo 2016, insieme alla prima “vague” del gruppo FB creato da Luigi Bart Anderson Silvestri.
dire che è stata una delle più belle esperienze della mia vita è decisamente riduttivo, perchè questo momento di apprendimento (perchè ho voluto capirne le basi teoriche leggendo le opere di ehret e shelton), di introspezione e di messa alla prova di mente e volontá, mi ha completamente cambiato dal di dentro e fatto imparare molte cose su come funziona il corpo umano, su come è relativamente semplice – basta volerlo – prendersene cura in totale consapevolezza. quali i benefici “visibili”? ho riportato il mio peso ai suoi valori corretti, ho avviato la riduzione – esame ecografico alla mano – di un corposo fibroma all’utero che da mesi mi si suggeriva di eliminare chirurgicamente, migliorato la pelle, affinata la sensibilità ai gusti del cibo vero e vitale di cui ormai non riesco più a fare a meno. anche la pratica del clistere, che prima di iniziare mi lasciava perplessa e mi inquietava persino un pó, è qualcosa che è diventato parte del mio rituale quotidiano di pulizia del corpo, nei momenti di digiuno e anche in quelli in cui mi alimento. un ringraziamento speciale al grande salvatore paladino, per l’opera immane di divulgazione di informazioni che sta facendo e che consente a chiunque di avvicinarsi a queste terapie naturali attraverso un supporto easy come quello dei suoi video e a Luigi Silvestri per avermelo fatto conoscere ed apprezzare.[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6439″ name=”Enrica”]Caro Luigi,
ti conosco virtualmente da quando hai finito il digiuno dal nostro caro Salvatore.
Grazie per tutti i consigli che ci hai dato nel corso di questo ultimo anno.
Io, per motivi miei, non ho ancora fatto il digiuno solo dei periodi a cibi di transito, con clisteri, tisane, alcolatura d’ aglio ecc. ed anche solo così ho notato dei grandissimi benefici sul mio corpo per esempio mi è sparita micosi ungueale! Ti ringrazio ancora per il consiglio dell’ argilla sulla caviglia slogata, in una settimana l’ infiammazione è sparita. Caro Luigi so che quando sarò pronta potrò contare sul tuo supporto! Grazie ancora per quello che stai facendo, sei un angelo[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6453″ name=”Milena”]Grazie per avermi dato l’opportunità di mettermi alla prova sotto molti aspetti, non ultimo emotivo e mentale, i benefici anche a livello sottile sono stati tangibili. Posso aggiungere che a distanza di 5 mesi dal digiuno ho espulso vermi pur non essendo in digiuno, questo per dire a chi affronterà questo percorso che i benefici sono anche a lungo termine.[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6446″ name=”Leondina”]sono Leondina (Torino), ho 53 anni ho digiunato alcuni mesi fa, accompagnata da Luigi, mio coach personale, è stata una bella esperienza, ho perso 10 kg, nonostante lavorassi, turni ,comprese le notti, avevo sempre le energie alte, e davo il meglio di me, sul lavoro e in casa, la pressione è tornata ai valori normali, inoltre ,adesso se eccedo nell’alimentazione, il giorno dopo mi rimetto in carreggiata, perchè mi accorgo quando il corpo non è apposto, ormai i clisteri li faccio senza problemi. ragazzi è solo una questione mentale, bisogna avere il coraggio di riprogrammarsi. parte tutto da Salvatore, ma Luigi ci mette del suo, dopo esperienze provate su di lui, ed è andata alla grande[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6424″ name=”Antonella”]Eccomi qui anche io…fatto il mio primo digiuno di 40 gg e un secondo che però, x motivi di lavoro e difficoltà di organizzazione, ho interrotto dopo una settimana .
l’obiettivo più grande che ho raggiunto è stato interrompere qualsiasi tipo di farmaco è aver cambiato completamente modo di alimentarmi….mangio molte verdure crude adesso, frutta, semi vari, tisane, non amo più la carne e non mi manca x niente. Il mio palato è cambiato. …adesso percepisco ogni singolo sapore. Niente più mal di testa….stomaco…e se mai dovessi aver bisogno, mi aiuto con ciò che si trova in natura, soprattutto con le spezie che fungono anche da antinfiammatorio…antibiotico…la natura ci fornisce di tutto. In ognuno di voi ho trovato un supporto, il coraggio e la determinazione x andare avanti… e poi, quando mi balena un’idea o un dubbio, sempre pronta a stuzzicare il nostro luigi che subito risponde.[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6419″ name=”Giorgia”]Ciao Luigi,
circa un anno fa ho sentito che era arrivato il momento di prendere in seria considerazione un digiuno (oltre ad un cambiamento di vita direzionata verso semplicità, igienismo, natura, meno lavoro) e venendo a conoscenza della strada di cui parla Salvatore, ho sentito che era quella giusta per me in quel momento. Non avevo seri problemi fisici, quindi non posso testimoniare in questo senso. Sono partita da 56 Kg e dopo 40 gg sono arrivata a 49 Kg, quindi non ho perso molto perché il corpo “sa”. Quello che invece mi sento di dire ad alta voce è che con il digiuno si aprono i nostri “canali”. Intuizione, telepatia, serenità, pulizia, sicurezza (consiglio vivamente di scrivere un diario)…ho fatto mio il concetto per cui siamo un’anima ospitata da un corpo e non il viceversa. Si percepisce la possibilità di vivere sempre in questo modo perché ci si sente liberi. Potrei palarne solo bene e lo consiglierei a tutti. Ed aggiungo che un solo digiuno non credo sia sufficiente, ma già il primo ci insegna a capire quando e come affrontare i successivi.
Detto questo mi sento però anche di aggiungere che la cosa più difficile non è stare “lassù” (dove anche il digiuno contribuisce a farti arrivare) ma vivere la densità della materia di questo mondo. Questa è la vera sfida. Quindi il digiuno resta un bellissimo mezzo (perché la pulizia fisica è fondamentale) , così come la nutrizione viva e leggera, l’arte, la meditazione, lo yoga, ecc…MA bisogna sempre avere una visione globale di NOI, e non creare idolatrie che potrebbero deviarci dal percorso più importante: LA NOSTRA STRADA.
Grazie a noi
Giorgia[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6420″ name=”Mara”]Sono Mara ho fatto il mio primo digiuno tra luglio ed agosto e ne ho ricevuto molti benefici. Primo tra tutto la sensazione di pulizia, prendere coscienza, giorno dopo giorno essere in un processo che porta alla disintossicazione di tutti i corpi non solo del corpo fisico. Te ne accorgi perché pian piano hai la mente più lucida. Riesci a vedere le idee, i concetti, che avevi il giorno prima e non li condividi più, semplicemente non sono più gli stessi, tu sei da un’altra parte. Poi c’è l’energia che cresce ogni giorno e ti fa guardare gli ostacoli, che prima ritenevi insormontabili, facili da affrontare e superare. In me si è anche rafforzata la consapevolezza di poter evitare qualsiasi processo patologico, di essere forte, insomma. Il punto che sto analizzando e che voglio approfondire nel prossimo percorso è quello della libertà di pensiero. Sappiamo di non essere liberi e di essere condizionati in ogni nostra scelta ( questo è molto evidente nell’alimentazione ). Posso riuscire a vedere e quantificare questo in me? Posso riuscire ad alimentarmi con quello che veramente richiede il mio corpi fisico? (Per quello che riguarda il fisico). Posso disintossicarmi, dopo averli visti, dai parassiti che si aggrappano ad i miei corpi e si nutrono di me inducendomi a determinati comportamenti ( alimentari in questo caso )?[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6416″ name=”Domenico”]Ciao sono Domenico, stanco di prendere svariati medicinali per vari disturbi(tra tutti il mal di testa cronico) mi sono affacciato all’igienismo, spulciando su Internet ho scoperto il lavaggio epatico secondo Moritz, esistono vari gruppi, li mi si è aperto un mondo, è proprio tra le testimonianze mi colpì molto quella di un ragazzo che parlava di 80 giorni di digiuno! Ancora una volta spulciando in rete ho conosciuto il digiuno terapeutico e il suo Paladino Salvatore appunto! Cominciai a guardare tutti i suoi video, prendere appunti, riguardare guardare di nuovo per capire sempre meglio. Però mi mancava un supporto, un esperto, un supporto, qualcuno che era già passato per questa via! La via del digiuno appunto, dove ho conosciuto splendide persone,tra tutti Luigi che mi ha aiutato a meglio prepararmi e a meglio comprendere il digiuno! Parte la mia avventura,se mi avessero detto che un giorno avrei fatto 60 giorni di digiuno non ci avrei creduto! È stata un’esperienza meravigliosa! Il dimagrimento come sottolinea Luigi Silvestri è solo un effetto collaterale nel mio caso sono passato da 124 chili a 104 in 60 giorni! È un esperienza che consiglio e che ripeterò tra poco! Grazie a Salvatore paladino a Luigi e tutto il gruppo per il supporto e l’aiuto che mi hanno dato e che a mia volta cerco di dare![/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6417″ name=”Paolo”]ciao luigi sono paoletto ,forse mi rispondevi da quando eri da salvatore che digiunavi ,che io le mandavo qualche email per un supporto al digiuno ,poi a gennaio mi hai aggiunto al gruppo .come sapete da settembre 2015 a agosto 2016 ho fatto circa 130 giorni di digiuno in vari volte 23 -46 7 51 più altri giorni .io non lo faccio solamente per la salute ma sopprattutto per lo spirito, perché credo che non siamo solo carne …avendo fatto x qualche anno yoga e meditazione che si parlava di tenere la casa pulita x eventuali visite angeliche diciamo ,oppure connettersi con la parte spirituale di noi.però ho capito che solamente yoga e meditazione non basta bisogna avere un corpo pulito che sarebbe la nostra casa ,poi se arriva qualche visita vediamo come accettarla, speriamo che sia una buona visita .il cammino ancora e lungo . concludo : quando facciamo un digiuno a secco di qualche giorno? ciao[/dt_sc_tm_carousel_item][dt_sc_tm_carousel_item image=”6418″ name=”Claudio”]Ciao sono Claudio da Capena (Roma), ho 44 anni e ho fatto il mio primo ed unico digiuno di 60 giorni. Il mio peso iniziale era di 70 kg circa e quello finale era di 52 kg. Prima di iniziare il digiuno vero e proprio ho fatto qualche giorno di prova per vedere come reagiva il mio organismo, dimagrendo una decina di kg. Ho cominciato il 2 Gennaio 2016 e terminato il 3Marzo 2016 contemporaneamente lavorando con turni di 8 ore che cominciavano dalle 6:00 alle 14:00; dalle 14:00 alle 22:00 e dalle 22:00 alle 6:00 tutti suddivisi in turni da 4 giorni.(ancora non mi spiego come ho fatto).
Il digiuno per me è stato una sorta di reset perché dopo essere stato per circa cinque anni male nonostante prendessi 4 medicine al giorno non riuscivo a risolvere la mia patologia (esofago di Barret), quindi mi sono deciso a farlo portato dai continui fastidi e disagi vissuti in quegli anni.
Durante il digiuno ho praticamente ripercorso tutti i fastidi che avevo fin dall’infanzia, a partire dall’allergia alla polvere per finire all’helicobacter pilory. Diciamo che non è stata una passeggiata anche perché mi son reso conto che lavorando, il corpo fa molta più fatica nel processo di autolisi a purificare il corpo, forse anche per questo a distanza di mesi dalla fine del digiuno ancora mi sento che il mio corpo deve espellere tossine, quindi sicuramente ne dovrò fare degli altri anche per il fatto che quando si fa una purificazione, almeno dal mio punto di vista, bisogna essere fuori da ogni contesto sociale e affettivo ed isolarsi da tutto e da tutti anche perché bisogna ritrovare il contatto con sé stessi.
In tutto questo mio cambiamento, sia dal modo di vedere le cose sotto un altro punto di vista sia l’approccio con il cibo che prima era totalmente onnivoro ad ora che è vegetariano tendente al crudista devo ringraziare veramente di cuore Salvatore Paladino che mi ha aperto la mente e ancora oggi mi da delle informazioni preziosissime per il mio cammino in questa dimensione. In oltre voglio ringraziare Luigi Silvestri e tutti i componenti del vecchio gruppo “Belli dentro belli fuori perché fanno tanta pupu” in modo particolare voglio ringraziare il mitico Danilo Ruffini. Ciao e ancora GRAZIE![/dt_sc_tm_carousel_item][/dt_sc_tm_carousel_wrapper]