Dopo tanti studi su diete, purificazioni e cura delle malattie alla fine ho trovato tutto quello che cercavo nella semplicità, nella Dottrina Termica.

Sperimentandola su me stesso sono riuscito a guarire da tutte le “malattie” che avevo.

In questo post voglio farvi un piccolo riassunto di cosa sia la Dottrina termica e della sua visione.

La Dottrina termica stabilisce, senza inventare nulla, un nuovo concetto di salute che si può riassumere nei seguenti punti:

  • 1. La salute è la normale funzionalità dell’organismo nei processi di nutrizione e di eliminazione, che si realizzano simultaneamente nell’apparato digerente, polmoni e pelle
  • 2. Tutte le malattie sono la manifestazione di “mancanza di salute”, ossia di un disordine funzionale e, con questo, si vuol insegnare che, QUALSIASI sia il suo nome o la sua manifestazione, la malattie è puramente di natura funzionale e non microbiana.
  • 3. Solo la salute ha carattere positivo. Tutte le malattie sono un fenomeno negativo, perché rivelano la mancanza di salute in grado variabile. Perciò le infermità non si “curano” ma spariranno mediante il processo della salute cioè della normalità funzionale.
  • 4. La patologia non è altro che una semplice classificazione convenzionale o nomenclatura dei sintomi o manifestazioni per mancanza di salute, come a dire dello stato di malattia. Si deduce allora che non esistono malattie, bensì malati.
  • 5. Però se vogliamo dare personalità positiva alla malattia, è necessario convenire che, qualsiasi sia il suo nome o la manifestazione, tutte le malattie sono costituite da febbre gastrointestinale in grado più p meno variabile. Questa febbre è la causa ed è anche il punto di appoggio del disordine funzionale dell’organismo; è cioè il nemico della salute e l’unica causa di morte. Non esistono malati senza febbre.
  • 6. Quelli che la Patologia classifica come mali diversi, non sono altro che la semplice manifestazione del disordine delle funzioni di nutrizione ed eliminazione dell’organismo colpito. La diversità dei sintomi “per mancanza di salute” dipende dal soggetto, dagli antecedenti ereditari, dal genere di vita, dall’occupazione, dall’età, dal sesso, dal clima, ecc. ecc.
  • 7. La febbre è il nemico che si deve combattere negli infermi (qualsiasi sia il nome o la manifestazione della dolenza), e non il microbo, poiché, a parte gli incidenti, si muore solo di febbre.
  • 8. La febbre è un fenomeno di natura infiammatoria e congestiva. Si origina per reazione nervosa e circolatoria quando i nervi sono irritati o sottoposti a un lavoro maggiore del normale.
  • 9.  La febbre che giunge alla superficie del corpo è CURATIVA perché, per mezzo della pelle, favorisce l’eliminazione delle impurità. La febbre gastrointestinale altera la salute fino a dar fine alla vita dell’uomo con denutrizione ed intossicazione
  • 11. Non esistono malattie di natura diversa tra loro; vi sono però distinte manifestazioni di irregolarità funzionale dell’organismo, ossia mancanza di salute.
  • 10. Non bisogna curare ma NORMALIZZARE, collocando il corpo in equilibrio termico.
  • 12. La normalità funzionale del corpo cioè la salute, può esistere solo con l’equilibrio fra temperatura interna ed esterna. L’unico essere creato che squilibra la temperatura del corpo è l’uomo.
  • 13. I microbi sono agenti di vita e di salute, giammai agenti di malattia o di morte. Essi contribuiscono all’armonia ed all’ordine dell’Universo. Agendo dentro l’ordine universale, è assurdo incolpare il microbo delle irregolarità funzionali dell’organismo, caratteristiche in tutte le malattie in grado differente.
  • 14. L’arte del Curare, vale a dire di ristabilire la salute, deve in tutti i casi rinfrescare l’interno del ventre del malato e febbricitare la sua pelle, per equilibrare così la temperatura del corpo.
  • 15. L’agente che realizza la cura, ossia il ritorno alla normalità funzionale dell’organismo, è la FORZA VITALE che possiede il malato.
  • 16. Il sistema nervoso è il motore della vita. La forza vitale è l’energia nervosa e dipende salute stessa dei nervi, che sono nutriti dal sangue. Un sangue puro mantiene i nervi sani. L’impurità del fluido vitale (sangue) indebolisce la potenza nervosa. Il sangue è il prodotto della digestione e questa può essere sana sono se elaborata a 37 gradi di temperatura.
  • 17. La causa dell’indebolimento dell’energia nervosa non è altro che l’impurità del sangue dovuta alle irregolarità funzionali dell’organismo., prodotto dalla malsana respirazione, dell’elaborazione di putrefazione intestinali e dalla deficiente eliminazione della pelle, reni ed intestino. Le droghe, iniezioni, sieri, vaccini, radium, elettricità, interventi chirurgici, finiscono per deprimere  l’attività nervosa e, pertanto, la forza vitale dell’individuo, accorciandone la vita per intossicazione, degenerazione o mutilazione dell’organismo.
  • 18. Ciò che cura è la NATURA disse Ippocrate e, secondo la Dottrina Termica affinché questo sia possibile, è necessario collocare il corpo in Equilibrio termico.
  • 19. La Dottrina Termica NON DIAGNOSTICA  MALATTIE, non dà medicine e tanto meno cura. Disinteressandosi dalla Patologia e Terapeutica, essa si dirige a normalizzare le funzioni digerenti ed eliminatrici del malato, febbricitando la pelle e rinfrescando le viscere per ottenere equilibrio termico del corpo sempre alterato in tutte le malattie. Il corpo viene trattato come un solo organo, entità indivisibile.
  • 20. L’iride dei tuoi occhi rivela la tua salute.

Fonte: La Medicina Naturale alla portata di tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.